DiversiPensieri

opinioni su politica, società, economia, ambiente, tutto e niente

L’Italia #cambiaverso. Gli slogan di #Renzi per la segreteria del #PD


Matteo RenziAscoltando le interviste di Renzi in TV le sue idee mi sono sempre apparse troppo corrette. Cioè talmente corrette da essere banali. Un pò come affermare che 2+2 =4. Si può non essere d’accordo? Ho tentato di approfondire gli argomenti di Renzi, ma non sono mai riuscito a trovare più di qualche spunto. Quando oggi ho letto che Renzi ha pubblicato 8 slogan per la campagna alla candidatura da segretario del PD mi è sembrata un’ottima occasione per capire meglio le sue idee.

Leggo il primo:
No “il palazzo”. Si “la strada”.Conoscere il prezzo di un litro di latte, usare i mezzi pubblici, fare la fila alla posta. Tre ottimi modi per costruire un programma di governo.

L’idea dovrebbe essere quella di scrivere un programma partendo dai problemi di tutti i giorni della gente comune. Non mi sembra un’idea nuovissima, l’hanno già detto in tanti, penultimo (prima di Renzi) è arrivato Grillo che essendo un comico ha espresso lo stesso concetto così: “sulle macchine blu dei politici dovrebbero scriverci: Attenzione! Causa perdita del senso della realtà“. berlusconi-operaio-787922Berlusconi invece fece i cartelloni con il presidente operaio. Ricordate? Al di la di questo mi piacerebbe capire quali sono esattamente per Renzi i problemi comuni delle persone e come pensa di risolverli.

Vado al secondo:
No “perdere bene”. Si “vincere”.
L’importante, si sa, è partecipare. Ma per cambiare l’Italia bisogna fare qualcosa in più: vincere.

Sono rimasto folgorato! Che intuizione! Quindi per cambiare l’Italia si devono vincere le elezioni e governare. A volte la soluzione è sotto gli occhi e non la vedi.

Certo, sono slogan, non si può pretendere un programma. Però qualche dettaglio in più, per capirne l’orientamento, per capire in cosa si distingue, non dico da Cuperlo, ma almeno da Berlusconi, piuttosto che da Grillo o Maroni. C’è qualcuno di loro che potrebbe mai affermare che si candida per perdere? O che per risolvere i problemi si deve partire da quelli che affliggono la categoria dei politici (che Renzi chiama il palazzo) ?

Ma forse sono io ad avere un pregiudizio nei suoi confronti ed allora vi invito a leggere gli 8 slogan che trovate di seguito ed a rispondere al sondaggio per farmi sapere cosa ne pensate voi.

No “il palazzo”. Si “la strada”.
Conoscere il prezzo di un litro di latte, usare i mezzi pubblici, fare la fila alla posta. Tre ottimi modi per costruire un programma di governo


No “perdere bene”. Si “vincere”.
L’importante, si sa, è partecipare. Ma per cambiare l’Italia bisogna fare qualcosa in più: vincere.

No “raccomandati“. Si “bravi“.
La meritocrazia è l’unica medicina per la politica, per l’impresa, per la ricerca,per la pubblica amministrazione.Gli amici degli amici se ne faranno una ragione.

No “il cavaliere”. Si “gli italiani”.
Da vent’anni la politica si occupa di una sola persona. Noi ci occuperemo di tutti gli altri.

No “burocrazia”. Si “semplicità”.
Il rispetto delle regole non ha niente a che vedere con la tortura cui sono sottoposti cittadini e aziende per ottenere un banale permesso. Spenderemo quel tempo ritrovato per far crescere l’Italia.

No “paura”. Si “coraggio”.
Paura degli extracomunitari, paura della recessione, paura di cambiare. Da oggi ci riprendiamo la fiducia, la voglia di fare, il futuro.

No “lamentarsi”. Si “cambiare”.
Non passeremo il tempo a recriminare su come potrebbero andare meglio le cose. Le cambieremo.

No “conservazione”. Si “futuro”.
Se pensiamo solo a conservare quello che abbiamo, presto non avremo più nemmeno quello. Crescere vuol dire creare, innovare, cambiare.

Annunci

Un commento su “L’Italia #cambiaverso. Gli slogan di #Renzi per la segreteria del #PD

  1. patrizia
    12/10/2013

    Mi sarebbe piaciuto un punto del sondaggio che dicesse: indipendentemente dall’ideologia é un’idea che condivido e che spero finalmente venga messa in atto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12/10/2013 da in Politica con tag , , , , , , .
Pierluigi Argoneto

Writing, reading and all that Jazz.

il ragionevole dubbio

Un tentativo di lettura critica su scienza, salute, quotidianità e amenità varie

macosamidicimai

“Noi possiamo fottercene della politica ma sarà la politica che si fotte noi” S.B.

-CogitanScribens-

Le idee di Giovanni Proietta, Gianluca Popolla, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi, Roberto Quattrociocchi, Vittorio Gapi, John Lilburne e di chiunque abbia qualcosa di interessante da dire senza averne lo spazio.

Il S@rcoTr@fficante

Blog per il contrabbando di sarcasmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: