DiversiPensieri

opinioni su politica, società, economia, ambiente, tutto e niente

Nuovi possibili eccitanti sistemi elettorali


ImageCAMMELLUM – utilissimo per superare vaste distese di ingovernabilità. Ogni coalizione si carica sulle spalle due piccoli partiti apparentemente inutili. Al momento dell’assegnazione dei seggi, ne fa uscire un numero di parlamentari sufficiente a garantirsi una maggioranza.

RISIKUM – interessante sistema che rende inutile il voto. Ad ogni partito iscritto alle liste si assegna lo stesso numero di parlamentari. Ad ogni seduta delle Camere i leader dei partiti tirano i dadi e si attaccano a vicenda per eliminare deputati altrui. Le maggioranze sempre diverse che si vengono a determinare ad ogni turno rendono possibile l’approvazione di leggi straordinariamente incoerenti. Occhio agli obiettivi segreti assegnati dal Presidente della Repubblica.

FESTA SCOLARUM MEDIARUM – al momento del voto è un sistema proporzionale classico. Ma ad ogni seduta gli inservienti della Camera smontano uno scranno. I parlamentari girano in tondo nell’aula, in cui regna una ambigua penombra. Ad un certo punto il Presidente della Camera ferma la musica. I deputati che non riescono a trovare posto a sedere si dimettono seduta stante tra i lazzi degli altri. Ma possono ancora accedere ai panini e alle bibite per tutta la legislatura.

TROVATELLUM – è un sistema che genera maggioranze esigue ed ha il pregio di ridurre i costi della politica. Dopo la proclamazione, ogni eletto viene messo in una cesta e gettato nel Tevere. Solo quelli che riescono a fermarsi su una sponda e a farsi allattare da una lupa per una settimana possono tornare a Montecitorio e occupare un seggio. E’ necessario esibire la lupa come prova.

MAXIBON – è il sistema bipolare per eccellenza. Votando ogni partito, se ne vota automaticamente un altro ad esso opposto, mandandoli entrambi in una morbida maggioranza ricoperta di granella. Ogni legge viene quindi scritta secondo certi principi e secondo quelli opposti. Il cittadino può poi scegliere se rispettare i primi, i secondi o entrambi. In quest’ultimo caso deve specificare l’ordine: partendo dal basso, dall’alto o a morsi alternati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/01/2014 da in Politica, Tutto e niente con tag , .
Pierluigi Argoneto

Writing, reading and all that Jazz.

il ragionevole dubbio

Un tentativo di lettura critica su scienza, salute, quotidianità e amenità varie

macosamidicimai

“Noi possiamo fottercene della politica ma sarà la politica che si fotte noi” S.B.

-CogitanScribens-

Le idee di Giovanni Proietta, Gianluca Popolla, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi, Roberto Quattrociocchi, Vittorio Gapi, John Lilburne e di chiunque abbia qualcosa di interessante da dire senza averne lo spazio.

Il S@rcoTr@fficante

Blog per il contrabbando di sarcasmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: