DiversiPensieri

opinioni su politica, società, economia, ambiente, tutto e niente

Flop sondaggi: Le giustificazioni assurde degli istituti di ricerca


Wired ha chiesto spiegazioni addirittura ad uno scienziato, Roberto Biorcio collaboratore Demos, che ha risposto:
La spiegazione più semplice potrebbe essere che alcuni sondaggisti avevano il Pd effettivamente più alto, ma hanno diffuso un dato un pò ridimensionato perché sembrava impossibile.
Cioè la statistica come anello di congiunzione tra la scienza e il pizzicagnolo: “Ho fatto 40%! che faccio lascio? No togli un 5% che costa caro”.

E poi aggiunge: “L’ultimo sondaggio a nostra disposizione, i cui dati completi non possono essere diffusi perché di appena 2 giorni prima del voto vedeva un incremento della quota del Pd, che arrivava quasi al 40%
Praticamente come quando compri una macchina: “Che sconto ti hanno fatto sul PD? Il 35% Noooo! Ma se me lo dicevi prima, ho un amico, ti faceva almeno il 40%”

Le prossime dichiarazioni sono prese dall’huffington post

Roberto Weber (Ixè):Non è vero che nessuno si aspettava questi risultati, direi piuttosto che nessuno si è arrischiato a darli
Nella nuova smorfia napoletana la paura fà 35 … percento

Alessandra Ghisleri di Euromedia Research:È vero, noi non abbiamo centrato il distacco tra Pd e Cinque Stelle, né quello tra Renzi e Berlusconi. Perché? Perché ormai c’è una quota di voto mobile, un elettorato non ancora fidelizzato che non riusciamo ancora a fotografare con i sondaggi
Non siamo noi che sbagliamo i sondaggi, sono loro che cambiano voto.

Carlo Buttaroni di Tecné:Ciascuno di noi può sbagliare, ma quando sbagliamo tutti insieme vuol dire che il problema non siamo noi
Hai ragione cavolo! Sono gli italiani. Alle prossime elezioni i sondaggi fateli in Danimarca.

Infine, tutti in coro: “oggi, tanti elettori decidono all’ultimo momento
Ed infatti agli exit poll (all’uscita del seggio) di Masia (Emg):

exit poll definitivi mentana 2014

 

 

 

 

 

 

Sarà un caso di perdita della memoria di massa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/05/2014 da in Tutto e niente con tag , , .
Pierluigi Argoneto

Writing, reading and all that Jazz.

il ragionevole dubbio

Un tentativo di lettura critica su scienza, salute, quotidianità e amenità varie

macosamidicimai

“Noi possiamo fottercene della politica ma sarà la politica che si fotte noi” S.B.

-CogitanScribens-

Le idee di Giovanni Proietta, Gianluca Popolla, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi, Roberto Quattrociocchi, Vittorio Gapi, John Lilburne e di chiunque abbia qualcosa di interessante da dire senza averne lo spazio.

Il S@rcoTr@fficante

Blog per il contrabbando di sarcasmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: