DiversiPensieri

opinioni su politica, società, economia, ambiente, tutto e niente

Quanto è silenzioso il lavoro degli altri


Ci sono solo due sessi nel genere umano. Uno discrimina l’altro. Però un certo giorno entrambi felicemente celebrano una giornata internazionale dedicata al discriminato tra i due. L’aguzzino porge mazzolini di fiori alla vittima, la quale non glieli infila nella parti intime ma li accetta di buon grado. Può succedere di tutto, e tutto viene accettato. La rappresentazione è così potente che riscrive la realtà contro l’evidenza della realtà stessa.

Poi un presidente di una repubblica legge un discorso in cui elogia ‘il lavoro silenzioso’, e non parla dei propri succhi gastrici bensì proprio della metà discriminata del genere umano. Non lo depreca, questo lavoro costretto ad essere silenzioso, lo elogia. Non dice: ‘noi discriminatori ci prenderemo metà del vostro lavoro silenzioso, e voi potrete finalmente, per metà del tempo, cicaleggiare come noi’. No, elogia. Nella giornata internazionale in cui si riflette sulla discriminazione. Può davvero succedere di tutto.

‘Nobody can give you freedom. Nobody can give you equality or justice or anything. If you’re a man, you take it’ (Malcolm X)

____________________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/03/2015 da in Società con tag , , .
Pierluigi Argoneto

Writing, reading and all that Jazz.

il ragionevole dubbio

Un tentativo di lettura critica su scienza, salute, quotidianità e amenità varie

macosamidicimai

“Noi possiamo fottercene della politica ma sarà la politica che si fotte noi” S.B.

-CogitanScribens-

Le idee di Giovanni Proietta, Gianluca Popolla, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi, Roberto Quattrociocchi, Vittorio Gapi, John Lilburne e di chiunque abbia qualcosa di interessante da dire senza averne lo spazio.

Il S@rcoTr@fficante

Blog per il contrabbando di sarcasmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: