DiversiPensieri

opinioni su politica, società, economia, ambiente, tutto e niente

“Perché è importante la legge elettorale” spiegato in modo che lo capirebbe anche un bambino


Da un sondaggio di ixè Agorà, risulta che il 57% delle persone ritiene che: “il dibattito sulla legge elettorale sia superfluo perché le priorità del paese sono altre”.

Ci sono indubbiamente dei validi motivi per avere questa opinione, ma siccome temo che il motivo principale sia la conseguenza di una ignoranza sulle funzioni di una legge elettorale, proverò a spiegarle con un esempio.

Affermare che la legge elettorale non è importante perché ci sono cose più importanti da fare, è come dire che per andare in macchina da Milano a Palermo, non importa chi guida (leggi “chi va al governo”) purché si arrivi a Palermo (leggi: purché si aumenti l’occupazione, purché funzioni la sanità ecc …).

Siete d’accordo?

Ottimo, allora se va bene chiunque, va bene anche uno senza patente!

Dite che così a Palermo non ci arriviamo?

Allora diciamo che va bene chiunque purchè abbia la patente. Se siete d’accordo, avete iniziato a mettere dei prerequisiti alla candidabilità.

Bene, ora che il nostro pilota ha la patente, può finalmente mettersi alla guida. Ma chi guida ha diritto a scegliere la strada. In questo caso, il vostro autista ha deciso che per andare da Milano a Palermo passa per Dusserdolf, facendo una serie di tappe intermedie sulle alpi svizzere che sogna di vedere da sempre. Il tutto ovviamente a vostre spese. Non vi garba? Allora forse è meglio scegliere l’autista in base ad un programma di viaggio (leggi: programma elettorale).

Bene, a questo punto avete scelto il vostro autista ed il suo bel programma di viaggio fino a. Purtroppo appena messa la prima, il vostro autista imbocca l’autostrada per Dusserdolf. Volete cacciarlo a pedate? Non potete farlo, perché gli avete fatto un contratto a 5 anni senza clausole di rescissione. Non avete un modo per mandarlo via, ne un modo per influenzare le sue decisioni. Non potete fare nulla.

Per evitare di andare Dusserdolf quando vogliamo andare a Palermo, potremmo pensare di far partecipare tutti viaggiatori alle decisioni sul percorso da seguire.

A questo punto però c’è chi vuole passare per il tirreno, chi per l’adriatico, chi vuol fermarsi a dormire, chi vuol fare un viaggio senza soste e siccome nessuno ha più potere degli altri non si riesce neanche a partire.

Credo che a questo punto abbiate intuito cosa fa una legge elettorale:

  1. Vi permette di scegliere chi guida
  2. Definisce i poteri ed i limiti dell’autista nella scelta del percorso da seguire

Troppo potere o troppi limiti possono produrre lo stesso effetto: quello di non raggiungere l’obiettivo “più importante” di cui all’inizio del post.

Annunci

14 commenti su ““Perché è importante la legge elettorale” spiegato in modo che lo capirebbe anche un bambino

  1. roby1747
    19/04/2015

    La motivazione “PRINCIPALE” dei nostri AMATI Politici, è avere una ragione per dividersi meglio la torta ( le NOSTRE Tasse!)… Tutto il resto è noia (scusa “Califfo!”)

    • ma-perchè
      19/04/2015

      Caro Roby,
      ti ringrazio per il tuo commento, ma credo che la tua sia una grossa semplificazione.
      Una semplificazione ed una scusa per non fare nulla.
      Ma se non facciamo nulla, se non ci informiamo, se non controlliamo, se non partecipiamo,
      per chi vuol spartirsi la torta diventa tutto più facile .

  2. Giovanni
    19/04/2015

    Se ci accorgiamo di avere messo un pazzo al volante e non abbiamo modo di fermarlo siamo spacciati!

    • ma-perchè
      19/04/2015

      Esatto. Per questo motivo occorre interessarsi

  3. Claudio Cagnani
    19/04/2015

    Non so chi abbia scritto l’articolo….ma dire che il 57% …degli italiani che hanno dichiarato che la legge elettorale non è prioritaria…significhi che il 57% sono ignoranti….per il servizio che offre la legge ….mi sembra davvero eccessivo…..la partitocrazia..non teme alcuna legge elettorale…, l’unica che temevano , il Mattarellum…a collegi uninominali…l’hanno bocciata,…le altre sono tutte…chiacchiere che servono…al potere..per continuare…con quel SISTEMA!…

    • ma-perchè
      19/04/2015

      Credo…che…tu …sia…un…po…disfattista!…

      • Claudio Cagnani
        19/04/2015

        è probabile.!anche se non so se realista o disfattista!……spiegami perchè non dovrei esserlo…..meglio Gufi che Allocchi!…

        • ma-perchè
          19/04/2015

          Perchè che vantaggio di porta ad essere gufo? Se pensi che nulla potrà mai cambiare, ovviamente non farai nulla affinchè le cose cambino e questo è il miglior modo per assicurarsi che nulla cambi mai. Che vantaggio ti porta?

  4. Claudio Cagnani
    19/04/2015

    ma-perchè ..è giusto ciò che scrivi……ma tu come pensi di poter cambiare le cose?….qual’è la tua soluzione…..?….Approvare l’italicum?….fare senza guardare a quello che si fa?…..spiegati!…

  5. Claudio Cagnani
    19/04/2015

    sto ancora aspettando.la tua risposta!…..scudiere del Re o coda di paglia?

    • ma-perchè
      20/04/2015

      ne l’uno ne l’altro. Semplicemente ho altre cose da fare.
      Le tue domande escono fuori dal tema del post e comunque sono di carattere troppo generale per poter essere trattate come commento ad un post

  6. Paola
    22/04/2015

    “Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare.”
    (Winston Churchill)

    • Claudio Cagnani
      22/04/2015

      certo, il grande Churchill….ne aveva delle buone….tipo questa” I comunisti nn sanno mai dove si trovano………quando partire….e dove andare……e quando decidono…di farlo….lo fanno sempre con i soldi degli altri!”……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18/04/2015 da in Politica con tag , .
Pierluigi Argoneto

Writing, reading and all that Jazz.

il ragionevole dubbio

Un tentativo di lettura critica su scienza, salute, quotidianità e amenità varie

macosamidicimai

“Noi possiamo fottercene della politica ma sarà la politica che si fotte noi” S.B.

-CogitanScribens-

Le idee di Giovanni Proietta, Gianluca Popolla, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi, Roberto Quattrociocchi, Vittorio Gapi, John Lilburne e di chiunque abbia qualcosa di interessante da dire senza averne lo spazio.

Il S@rcoTr@fficante

Blog per il contrabbando di sarcasmo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: